Spray, polizia senza ma il Comune ‘forma’

Da novembre gli agenti del comando di corso del Popolo sono senza strumento. L’amministrazione però promuove un evento dedicato

Condividi questo articolo su

Gli agenti della polizia locale di Terni dallo scorso novembre non possono più contare sullo ‘spray al peperoncino’ ma il Comune, nell’attesa che qualcuno sblocchi una situazione piuttosto imbarazzante, organizza comunque attività formative per utilizzare consapevolmente l’Oleoresium Capsicum – questo il nome della sostanza che compone lo strumento di autodifesa – e lo fa con una serata dedicata, e gratuita, che si terrà il prossimo 8 febbraio.

«Strumento importante»

L’iniziativa è dell’assessore Valeria Alessandrini (Lega, competente – va detto – su materie diverse dalla polizia locale) che nei mesi scorsi ha simbolicamente regalato lo spray alle consigliere comunali leghiste per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema. L’evento è organizzato in collaborazione con la consigliera Giulia Silvani. «Garantire la sicurezza è compito delle forze dell’ordine che ringraziamo per il lavoro svolto quotidianamente in questa direzione – spiega la Alessandrini – in casi estremi, tuttavia, lo spray al peperoncino può risultare utile per sfuggire a un’aggressione, come accaduto di recente nella metro di Milano, dove una donna ha evitato il peggio grazie a questo strumento».

I ringraziamenti

«Un ringraziamento – conclude l’assessore – va agli istruttori Luca Vescovi, Fabrizio Calandri e Francesco Iudice che si metteranno a disposizione per la serata formativa. Si ringrazia l’Accademia di Sicurezza Operativa, ente di formazione professionale specializzato nel settore della sicurezza pubblica e privata, che fornirà il materiale tecnico formativo». Per iscriversi al corso – 60 i posti disponibili – e ricevere le informazioni, basta mandare una mail a giulia.silvani@comune.terni.it.

Alessandro Gentiletti (Senso Civico)

«Un corso di formazione su come difendersi e attaccare, utilizzando il peperoncino spray, non risolve certamente il problema della sicurezza in città e della violenza sulle donne», commenta il capogruppo di Senso Civico in consiglio comunale a Terni, Alessandro Gentiletti. «Tuttavia, se insegnerà a difendersi soltanto quando ce ne è bisogno e ad attaccare soltanto le persone che lo meritano, penso che ne potremmo trarre beneficio in tanti, a partire da chi governa la città. Ripenso, infatti, a quanto è accaduto ad una preside di una scuola elementare, che nei mesi passati è stata accusata dall’assessore di aver impedito un presepe vivente, quando in realtà non era mai stato organizzato. Ripenso a quanto accaduto ai tanti giovani di questa città, chiamati in causa dal sindaco di Terni dopo il danneggiamento di una panchina in piazza San Francesco, quando invece oggi si scopre essere stata opera dell’ennesima autovettura che affligge il centro».

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli