Terni, Sviluppumbria va a palazzo De Santis: 475 mq a titolo gratuito per nove anni

Via libera per l’utilizzo dei locali a ridosso del centro cittadino. Nei mesi scorsi c’era stato lo stop per strada delle Campore da parte di Invitalia

Condividi questo articolo su

di S.F.

Sviluppumbria molla i locali in strada delle Campore ma, in ogni caso, resta con un appoggio su Terni. Il via libera dell’esecutivo Tesei è arrivato in settimana e riguarda palazzo De Santis, al civico 21 di via Plinio Il Giovane: semaforo verde per la concessione a titolo gratuito per nove anni di parte del compendio, nella fattispecie l’intero secondo piano e parte del primo per un totale di 475 metri quadrati commerciali. Un iter partito formalmente il 20 luglio del 2023 quando la società comunicò alla Regione la disdetta di Invitalia per la sede operativa ternana storica. Sviluppumbria ha voluto mantenere un proprio spazio in città per i suoi 23 dipendenti e la scelta è ricaduta su palazzo De Santis. Firmano l’assessore regionale al patrimonio Paola Agabiti, il direttore Luca Federici e la dirigente del servizio demanio, patrimonio e logistica Francesca Pazzaglia.

LO SCHEMA DI CONCESSIONE REGIONE-SVILUPPUMBRIA (.PDF)

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli