Calvi dell’Umbria, torna la sagra del tartufo e del cinghiale

Doppio weekend: 15-16 e 22-23 ottobre. C’è anche il raduno di Vespe Piaggio

Condividi questo articolo su

Un doppio weekend a tutta cultura e gastronomia. Protagonista Calvi dell’Umbria: il 15-16 e 22-23 ottobre torna la sagra del tartufo e del cinghiale con l’organizzazione della locale pro loco.

L’evento

Nelle giornate di sabato e domenica, in questi due weekend, sarà possibile degustare, presso la taverna del Monastero, l’ampia sala ricavata dal Comune all’interno dell’antico monastero situato nel centro storico di Calvi, tante specialità a base di tartufo e cinghiale, cucinate dalle abili cuoche del posto. «La sagra – viene sottolineato – non sarà tuttavia fine a sé stessa, in quanto i visitatori avranno, ancora una volta, l’opportunità di visitare il borgo calvese e di ammirarne le sue bellezze artistiche, monumentali e paesaggistiche» Il ‘Museo del Monastero delle Orsoline’ situato all’interno di palazzo Ferrini, è il fiore all’occhiello di Calvi. a vedere ci sono poi i ‘murales’, veri e propri capolavori pittorici realizzati nel tempo da grandi artisti nei vicoli e nelle piazzette del paese. Il tema di questi affreschi è quello del Natale. «La pro loco ricorda che è possibile visitare anche il presepe monumentale che si trova all’interno dell’antica sede della Confraternita di Sant’Antonio (accanto alla chiesa di Santa Brigida in piazza Mazzini). Si tratta di un presepe composto da più di trenta statue, in terracotta policroma, a grandezza naturale. Un’altra grande opportunità, di carattere squisitamente paesaggistico, è quella offerta dai tanti ‘terrazzi’ che si affacciano sulla grande vallata sottostante.

Il raduno

A margine di queste iniziative, nella mattinata di domenica 16 ottobre, in piazza Mazzini avrà luogo un raduno di Vespe Piaggio. L’appuntamento è per le 10 in piazza Mazzini dove i partecipanti potranno iscriversi a ‘Bruschetta in Vespa’, organizzato dall’Oleificio La Corte. Dopo un giro panoramico i vespisti si fermeranno a pranzo nella taverna prima di recarsi presso l’antico oleificio dove visiteranno gli impianti e degusteranno le specialità locali. Per ulteriori info è possibile contattare il 335 5417332 o il 333 5414072.

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli