Ternana, ‘trema’ il 4-2-3-1 per Crotone

Prove di 3-5-2 e 4-3-3 per le ‘Fere’ in vista del duello con i calabresi. Di nuovo in gruppo Janse, 100° in arrivo per Ceravolo

Condividi questo articolo su

di S.F.

Una squadra imbattuta allo ‘Scida’. Sedici punti sui diciotto a disposizione, con appena quattro reti al passivo: più o meno l’opposto del rendimento casalingo della Ternana che, nel prossimo turno, è attesa dalla trasferta di Crotone. E questa volta l’auspicio in casa rossoverde è che l’alternanza di risultati non si interrompa perché, al momento, l’unico rimedio alle mediocri prestazioni interne è legato ai successi in esterna. E per le ‘Fere’ si prospetta un possibile cambio tattico.

La parte tattica ad inizio allenamento: esercizio sul movimento senza palla

La parte tattica ad inizio allenamento: esercizio sul movimento senza palla

Ivan Jurić opta infatti in maniera stabile per un 3-4-3, schieramento finora mai fronteggiato dai rossoverdi di Breda, ed il tecnico trevigiano nella seduta di martedì ha dato spazio nella partitella conclusiva al 3-5-2: dopo l’utilizzo nella ripresa al cospetto della Virtus Entella, allo ‘Scida’ l’ex Latina potrebbe tornare ad affidarsi al suo modulo preferito. La linea difensiva provata ha visto di scena González, Meccariello e Masi, mentre Furlan, Busellatto, Zampa – il centrocampista laziale davanti alla difesa -, Grossi e Furlan sono stati posizionati nei cinque di centrocampo alle spalle di Falletti e Ceravolo. L’idea ed i test ci sono, da verificare nel prosieguo della preparazione se possa realmente diventare un’opzione concreta da contrapporre al temibile trio offensivo dei ‘pitagorici’ formato da Ricci, Budimir e Stoian.

Jens Janse è rientrato a pieno ritmo in gruppo

Jens Janse è rientrato a pieno ritmo in gruppo

Non solo 3-5-2 Nella prima parte di allenamento invece esercizio specifico sul movimento della squadra senza palla e gestione del contropiede, con il 4-3-3: nel primo gruppo impiegati Janse, Monteleone, Masi, Zanon, Busellato, Zampa, Grossi, il ’97 inglese Sagaf, Ceravolo e Furlan, nel secondo Dianda, González, Meccariello, Lo Porto, Signorelli, Salim (l’altro britannico in forza alla ‘Primavera’), Falletti, Belloni, Avenatti e Vitale. Assenti i nazionali Valjent (titolare nella sfida tra Slovacchia ed Olanda, finita sul 4-2), Palumbo – ancora panchina con l’Italia ‘Under’ 20 nell’1-1 di Meda con la Svizzera – e Gondo (vittoria africana in Qatar per 1-0), più gli infortunati Coppola e Dugandžić. Di nuovo in gruppo Fabio Ceravolo: nella ‘sua’ Calabria festeggerà un bel traguardo.

Fabio Ceravolo: a Crotone la 100° ufficiale in rossoverde

Fabio Ceravolo: a Crotone la 100° ufficiale in rossoverde

100° ufficiale Il locrese raggiungerà – salvo infortuni – infatti allo ‘Scida’ le cento presenze ufficiali con la maglia delle ‘Fere’ dopo l’esordio di Modena nel gennaio 2013. Il numero 9 rossoverde è stato provato in giornata sia da punta centrale, con Belloni e Furlan ai lati, che da esterno sinistro: in quest’ultimo caso, a completare il tridente del 4-3-3, sono stati Avenatti e l’ex Bassano Virtus. Le soluzioni in attacco non mancano considerando anche il prossimo rientro dal Qatar di Gondo, mentre il problema più rilevante è la sostituzione dello squalificato Vitale.

La difesa a quattro con Janse e Zanon, utilizzato a sinistra

La difesa a quattro con Janse e Zanon, utilizzato a sinistra

Doppio indizio Smaltito il guaio muscolare al polpaccio, Janse è rientrato a pieno ritmo nel gruppo: l’olandese ha sempre occupato la corsia destra nella difesa a quattro – non utilizzato nel 3-5-2 -, con Zanon dall’altro lato. E siamo a due giorni di fila che Breda piazza l’aquilano sull’out sinistro: resta difficile tenere in considerazione quest’opzione, ma i test di inizio settimana indicano altro. Sempre in attesa del rientro di Martin Valjent che, nei possibili mutamenti difensivi della Ternana anti Crotone, potrebbe avere il suo spazio.

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli