Terni: la scuola ‘Guglielmi’ in visita alla polizia Locale

Mattinata speciale, quella di giovedì, per i bambini della scuola dell’infanzia

Condividi questo articolo su

I bambini della terza sezione della scuola dell’infanzia ‘Carlo Guglielmi’ di Terni, facente parte della direzione didattica ‘Giuseppe Mazzini’, hanno fatto visita giovedì mattina al comando della polizia Locale e incontrato la comandante Gioconda Sassi, grazie al progetto ‘La scuola SI-CURA di me: la strada’. Un progetto capofila che fonde tre mondi: la scuola, l’amministrazione comunale e la società civile. «La presenza di bambini così piccoli al comando di polizia Locale – afferma l’assessore Giovanna Scarcia – è senz’altro da coltivare e incentivare. L’esperienza fatta con la classe della scuola d’infanzia è stata molto positiva per i piccoli alunni in quanto hanno dimostrato un’inaspettata curiosità rispetto a quelle che sono le attività degli agenti. Hanno avuto la possibilità di visitare il comando e i suoi uffici e conoscere alcuni agenti al lavoro; si sono stupiti davanti ai monitor della centrale operativa della videosorveglianza cittadina; hanno voluto vedere tutti i dispositivi di difesa personale in dotazione, le strumentazioni e le divise. Hanno fatto tante domande per soddisfare le loro mille curiosità e visitato l’autoparco, veicoli e moto. Da parte dell’amministrazione comunale – conclude l’assessore – c’è assoluta apertura a questo tipo di visite didattiche guidate perché è importante che i bambini abbiano conoscenza della figura dell’agente di polizia Locale. Potenzieremo i progetti con tutte le scuole per sensibilizzare al rispetto della divisa, del senso civico, della legalità e dell’ordine pubblico». «Con la nostra classe – spiegano le maestre Claudia Giacomini, Paola Lepri ed Ester Giugliano – abbiamo lavorato con gli alunni di ogni fascia di età, 3-4-5 anni, per far conoscere loro l’ambiente che li circonda. Infatti, a questo punto dell’anno iniziano a conoscere quali insidie la strada può riservare e come ci si può difendere acquisendo già da piccoli atteggiamenti e comportamenti sicuri, come fare correttamente quando si cammina per la strada, quando si viene trasportati in automobile, come è corretto viaggiare in bicicletta. In questi mesi i bambini hanno imparato le filastrocche del ‘buon pedone’ e si sono riuniti in gruppo per conversare sui possibili rischi della strada, sollecitati dalle domande delle maestre. Abbiamo fatto diverse letture di storie e racconti inerenti al tema, un sondaggio con relativo istogramma su come i bambini vengono a scuola, giochi motori con i colori del semaforo e visto vari video sui comportamenti corretti e scorretti in strada. Abbiamo effettuato varie uscite a piedi facendo notare ai bambini la segnaletica orizzontale e verticale, abbiamo scoperto le forme geometriche associandole ai segnali stradali. Noi maestre, con l’aiuto dei genitori, abbiamo portato a scuola un seggiolino per auto e mostrato come ci si siede e come deve essere allacciato in viaggio. Stessa cosa con il caschetto per la bicicletta. Il nostro percorso si è concluso con la visita al comando della municipale di Terni nel quale i bambini hanno potuto vedere da vicino le auto in dotazione del Corpo, gli ambienti dove lavorano e i dipendenti in divisa. Nell’incontro, i bambini hanno avuto modo di ascoltare dai vigili le norme sulla sicurezza stradale e dialogare insieme sugli atteggiamenti da avere quando si cammina in città. Con l’occasione ringraziamo la comandante, i vigili, l’assessorato alla polizia Locale del Comune di Terni e la nostra dirigente Luisella Ada Marigliani che ci ha dato la possibilità di partecipare a questo progetto e all’uscita didattica». «Il progetto sulla sicurezza stradale – afferma la dirigente scolastica Marigliani – è stato portato avanti da questa scuola con l’intento di sensibilizzare bambini ma anche le famiglie a conoscere la città in cui vivono e ad agire in maniera corretta per prevenire gli incidenti fin dalla più tenera età. La classe terza ha avuto la possibilità di conoscere il comando ternano della Polizia Locale e siamo molto grati a chi ci ha ospitato».


LE FOTO

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli