Terni, rinforzi polizia Locale: si chiude per settembre. Personale, novità in vista

Ennesimo confronto sulle assunzioni per il Corpo. Difficoltà in diversi uffici: si ‘studia’ tra bilancio e possibili assunzioni

Condividi questo articolo su

di S.F.

Le venti assunzioni a tempo pieno ed indeterminato – sono due gli iter in corso su questo fronte – per rinforzare la polizia Locale e la situazione del personale del Comune di Terni, altro confronto sul tema nel corso del question time di giovedì mattina in uno scambio tra il vicesindaco Riccardo Corridore e gli esponenti di FdI e PD. Per chiudere il cerchio si dovrà attendere settembre.

LE GRADUATORIE DALLA QUALE ‘PESCA’ IL COMUNE: SABINA E VITERBESE
IL DG CARBONE E L’ASSENZA DI STRUTTURA SUL CONTROLLO STRATEGICO
NANNURELLI: «UFFICIO DEL VERDE PUBBLICO RIDOTTO AI MINIMI TERMINI»

Corridore, Bandecchi e Cecconi

La polizia Locale e la diatriba

Il primo a farsi avanti è stato Marco Cecconi (FdI) in merito al «caos assunzioni per la polizia Municipale», con riferimento alle tempistiche e alla doppia procedura – il concorso al momento ‘congelato’ e le manifestazioni di interesse di idonei in altre graduatorie – in essere. Tutto in sviluppo. Tralasciando le schermaglie politiche, nel merito il vicesindaco ha puntualizzato che «si è ricorso contemporaneamente per aprire altre graduatorie, si stanno facendo le assunzioni. Il concorso a breve si celebrerà per le posizioni residue ed entro settembre sarà tutto concluso. Abbiamo una visione di città che queste persone del centrodestra che firmano hanno dimostrato di non avere, l’unico dato oggettivo che è l’amministrazione uscente è stata bocciata dai cittadini». Non poteva mancare la replica di Cecconi: «Prendiamo atto che, ad oggi, le procedure sono allungate rispetto al concorso. Si parla di settembre, si procrastina. Nel corso del tempo non si è potuto procedere al piano del personale degli amministratori precedenti per rapide assunzioni. La verità fa male. Sovrapposizione di procedure e incapacità di rispondere in tempi rapidi alle esigenze della polizia Locale e delle altre direzioni». Poi viene il resto.

IL DIRIGENTE BEDINI E IL PERSONALE: «I COLLEGHI, QUELLI RIMASTI, SI IMPEGNANO AL MASSIMO»
L’ALLARME DELLA DIRIGENTE MARCUCCI: «SCARSE UNITÀ RISPETTO AI CARICHI»

Il dg Carbone con la dirigente Marcucci

Novità in vista per il personale

La seconda interrogazione di giornata sul tema è stata esposta da Josè Kenny di Innovare per Terni e ha riguardato il fabbisogno di di personale per i nidi e le scuole per l’infanzia, tema già trattato nei mesi scorsi. C’è difficoltà anche su questo fronte: «Occorre riflessione sullo scorrimento della graduatoria per rinforzare la dotazione organica». La sensazione è che a stretto giro, in generale, si muoverà qualcosa per ciò che concerne il personale: «In questo mese, in base ai risultati di bilancio di previsione, stiamo facendo delle riflessioni sulla possibilità di implementare con delle assunzioni l’organico. Compreso questo settore. Si tratta di problematiche che comprendiamo e condividiamo. Ritengo che le preoccupazioni espresse siano giustificate. Il tempo di capire il numero di totale di assunzioni che si potranno fare e poi cercheremo con uffici/direzioni di arrivare ad una razionalizzazione degli interventi da fare sull’organico. In questi giorni c’è stato qualche piccolo spostamento per sopperire a delle situazioni in cui si trovavano dei tecnici in direzioni dove non potevano dare il massimo contributo». In tal senso c’è stata una riunione a mezzogiorno. Vedremo gli esiti.

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli