Ternana: pareggio agrodolce a Bari

Playout – Tante le occasioni sprecate nel primo tempo sembrano condannare le Fere ma poi Pereiro ci mette una pezza

Condividi questo articolo su

di Gianni Giardinieri

I tifosi al Liberati giovedì sera

La Ternana esce indenne dall’andata del play out contro il Bari al ‘San Nicola’, pareggiando 1 ad 1 con un gol di Pereiro (deviazione di Di Cesare). Un risultato che avvicina le Fere alla salvezza, visto che il Bari sarà costretto a vincere al ‘Liberati’ giovedì prossimo. Ma è un pareggio che paradossalmente lascia l’amaro in bocca ai ragazzi di mister Breda, che hanno dominato il primo tempo sprecando tantissimo: un rigore sbagliato (l’ennesimo) da Casasola, due pali e un paio di parate importanti di Pissardo. Poi nel secondo tempo Bari più arrembante, grazie soprattutto all’ingresso di Maita, che ha dato più sostanza al centrocampo biancorosso e ha creato le premesse per il vantaggio di Nasti. Infine partita riagguanta nella zona di minutaggio storicamente più complicata per i rossoverdi. Fere apparse più toniche e convinte dei propri mezzi. Certo è che i ragazzi di mister Breda ottengono un pari salvifico ma non ancora decisivo per una salvezza che se raggiunta avrebbe del miracoloso.

Primo tempo

Iannarilli di nuovo titolare; Casasola braccetto destro. Queste le uniche due varianti che mister Breda decide di apportare per la gara d’andata del play out contro il Bari. Vitali lascia dunque la difesa dei pali al titolare del ruolo, di rientro dopo 40 giorni esatti dall’infortunio (frattura di due costole) patito in casa contro il Modena. Casasola, invece, scontato il turno di squalifica, viene di nuovo riproposto nel ruolo di difensore di centro-destra, già ben interpretato nel match contro il Catanzaro. Gli altri nove sono gli stessi di Piacenza: Dalle Mura a guidare la difesa, Lucchesi braccetto di sinistra, Favasuli e Carboni quinti di centrocampo, completato nella zona centrale da Luperini mezzala destra e Faticanti mezzala sinistra. Amatucci ad orchestrare in cabina di regia. Pereiro e Di Stefano in avanti. Mister Giampaolo del Bari schiera dieci undicesimi del turno passato contro il Brescia: la novità è Bellomo al posto di Achik. Confermato il 4-2-3-1, con Benali e Maiello in mezzo, Acampora sottopunta e Nasti centravanti. Appena ventisette secondi dal via e Bari subito pericolosissimo: Sibilli di testa su cross di Pucino colpisce il palo alla sinistra di Iannarilli. La Ternana risponde al terzo, con una discesa di Carboni che arriva al limite dell’area e rimette rasoterra indietro per Pereiro: la conclusione, disturbata da Vicari, termina alta. Ancora Fere due minuti dopo: scambio Pereiro-Carboni con quest’ultimo che arriva sul fondo e calcia a botta sicura. Pissardo devia con i piedi. All’ottavo minuto rigore per la Ternana: Nasti tocca Carboni che stava per prendere la palla, Aureliano è ad un passo e decreta il penalty. Purtroppo la maledizione sui calci di rigore continua (sbagliati 4 su 5 in stagione) e Casasola si fa parare il tiro da Pissardo. La Ternana sembra però non accusare il colpo e al 13′ Pereiro tenta il tiro a giro con esito di pochissimo a lato. Al 34′ altra gigantesca occasione per le Fere: azione insistita di Luperini che arriva sul fondo e rimette in mezzo. Di Stefano ci arriva con l’esterno destro ma colpisce il palo. La Ternana deve avere un conto aperto con la sfortuna perché al 44′ Pereiro scarica una bordata di sinistro rasoterra che colpisce un altro palo, stavolta alla sinistra di Pissardo.

I tifosi al Liberati giovedì sera

Secondo tempo

Occasione Bari al 50′: Benali serve Sibilli sulla corsa, l’esterno arriva sul fondo ed effettua un cross teso sul quale Nasti non arriva per un soffio. Ancora Bari al 54′, con lo specialista Di Cesare che stacca di testa da angolo: la palla termina a lato ma non di molto. Al 58′ il Bari passa in vantaggio con Nasti, servito con un passaggio filtrante da Ricci. La conclusione di sinistro, ravvicinata, non lascia scampo a Iannarilli. Ad un quarto d’ora dalla fine il Bari cambia l’attacco con gli ingressi di Puscas e Kallon, mentre la Ternana decide per un assetto più offensivo, pur rimanendo con il 3-5-2. Raimondo per Carboni e Di Stefano spostato sulla fascia sinistra a fare il quinto di centrocampo. All’ 81′ la Ternana trova il gol che aveva mancato più volte nel primo tempo. Azione “alla mano” delle Fere con una serie di passaggi ravvicinati che portano Pereiro al tiro finale: la deviazione decisiva è di Di Cesare. Due minuti dopo occasione per il Bari con Kallon che effettua un tiro non pericolosissimo che Iannarilli però non riesce a bloccare. Sbroglia Dalle Mura.

Tabellino

Bari (4-2-3-1): Pissardo, Pucino, Vicari, Di Cesare (Cap), Ricci, Maiello, Benali, Sibilli, Acampora, Bellomo, Nasti. All: Federico Giampaolo
Ternana (3-5-2): Iannarilli, Casasola (Cap), Dalle Mura, Lucchesi, Favasuli, Luperini, Amatucci, Faticanti, Carboni, Pereiro, Di Stefano. All.: Roberto Breda
Arbitro: Aureliano di Bologna
Assistenti: Berti e Cecconi
IV Ufficiale: Prontera
Var: Di Paolo
Avar: Gariglio
Marcatori: 58′ Nasti (T);
Ammonizioni: 23′ Favasuli (T); 29′ Pereiro (T); 55′ Bellomo (B); 94′ Di Cesare (B)
Sostituzioni: 46′ Maita per Acampora (B); 59′ De Boer per Faticanti (T); 65′ Achik per Bellomo (B); 74′ Puscas e Kallon per Sibilli e Nasti (B); 75′ Raimondo per Carboni (T); 85′ Dionisi, Nguessan e Zoia per Lucchesi, Pereiro e Di Stefano

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli