Terni, oltre 800 iscritti per la maratona. Salta la family run

Covid – Mercoledì mattina la presentazione dell’evento previsto per il 6 febbraio: la pandemia non consente di svolgere tutte le attività e l’accoglienza a 360 gradi

Condividi questo articolo su

Nel 2021 il Covid ha fermato la corsa ma questa volta non c’è variante che tenga. Seppur con numerosi ‘tagli’ rispetto a ciò che avveniva pre pandemia. L’XI edizione della Maratona di San Valentino ci sarà: l’appuntamento è fissato per domenica 6 febbraio e mercoledì mattina c’è stata la presentazione nella sede della società organizzatrice, l’Amatori Podistica Terni. Come di consueto protagonista la Valnerina, la cascata delle Marmore e le bellezze del territorio ternano. Tutto nel rispetto del protocollo Fidal che prevede la mascherina ffp2 per la partenza, il green pass base e l’autodichiarazione Covid da presentare. Al 26 gennaio gli atleti iscritti sono 803 – le squadre rappresentate sono 210 – su un tetto massimo di 1.200.

Terni, il 6 febbraio torna la Maratona di San Valentino

La presentazione

«Edizione sofferta»

«Sarà un’edizione sofferta». Ha esordito così il numero uno dell’APT, Luca Moriconi, nel lanciare l’evento in occasione dell’evento in via Medici: «Veniamo da una sospensione ma andiamo avanti. Si sente parlare spesso di resilienza, ovvero resistere ad uno shock: noi cerchiamo di farlo con la promozione del territorio e l’amore per il Santo. Purtroppo la pandemia ha creato problemi e l’evento di quest’anno è contraddistinto da diversi tagli». Vale a dire niente family run e accoglienza turistica con servizio pullman e visite guidate: «Purtroppo non possiamo farlo, ma c’è comunque l’ospitalità in collaborazione con il Distretto integrato turistico». In definitiva ci sarà la maratona da 42 chilometri e la mezza da 21 con partenza da corso del Popolo. Coinvolti anche i comuni di Ferentillo, Montefranco e Arrone. Sponda femminile tra le partecipanti ci sarà anche Nikolina Šustić Stanković, già trionfatrice in passato. Spazio poi al burundiano Onesphore Nzikwinkunda, 14° ai campionati mondiali di cross in Danimarca nel 2019 e Ademe Cuneo, con due presenze all’attivo nella nazionale italiana di cross junior.

Elena Proietti

Brand e cascata

Sponda Comune erano presenti gli assessori a sport ed eventi valentiniani, rispettivamente Elena Proietti e Maurizio Cecconelli: «La maratona – le parole della prima – è diventata un brand importante per lo sviluppo turistico. Ringrazio Alessandro Maltinti (funzionario della direzione), così come i volontari e le forze dell’ordine: la polizia Locale è sotto organico ma metterà a disposizione gli agenti. Lo sport come cassa di risonanza per la cascata delle Marmore, o forse è il contrario. A marzo poi ci sarà la parte ciclistica con la Tirreno-Adriatico». Per il main sponsor Acea in loco Emanuele Franceschini (manager area recycling): «Quello che muove questi progetti, in un momento storico come questo, può essere solo la passione e l’attaccamento al territorio. In questo senso mi sento di rappresentare Acea in tal senso, mettere energia in questo fase». Ringraziamenti e buoni auspici anche da parte di Fabio Moscatelli e Carlo Moscatelli, rispettivamente delegato provinciale del Coni Terni e presidente Fidal Umbria: «Un messaggio di condivisione e di speranza, sport come valore assoluto della vita. Le persone vengono a correre per il gusto di farlo». C’è stato anche un breve intervento telefonico del leader nazionale della Fidal, Stefano Mei: «Grande lezione in questi due anni da parte dell’atletica, un plauso va a tutti gli organizzatori. Ogni maratona che si riesce a fare è un miracolo in questo momento, noi come federazione stiamo cercando di recuperare tutte le corse su strada».

Marcello Vettese

La descrizione del percorso

«Partendo da Terni – si legge nel sito dedicato alla gara  – si va verso la basilica di San Valentino, per 200 metri sale leggermente, poi il percorso spiana per 1,5 chilometri per poi riscendere in Valnerina. Da qui, si va verso la cascata e in prossimità della Cascata delle Marmore sale leggermente, per poi ritornare piano fino a Torreorsina. Qui c’è il giro di boa della 21 chilometri; la maratona prosegue fino a Ferentillo in leggero falsopiano, qui gira ed il ritorno fino a Terni è dolce». La madrina sarà Justine Mattera. Tra le persone maggiormente impegnate per far filare tutto liscio c’è uno dei ‘dominus’ storici dell’Amatori Podistica Terni, Marcello Vettese.

Il percorso

 

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli