Terni, Ztl: «No all’apertura, ci sarebbe congestione traffico»

Ad esporsi sul tema sono Cgil e Filcams di Terni dopo le intenzioni esposte dal Comune

Condividi questo articolo su

No all’apertura della Ztl di Terni in alcune fasce orarie. Ad esporsi sul tema sono Cgil e Filcams territoriali dopo le intenzioni esposte da parte dell’amministrazione Bandecchi.

Ztl, eventi, pulizia e sicurezza: «Comune, aiutaci a far rivivere il centro di Terni»

Le criticità

«Si legge in queste ore di una possibile scelta del Comune di Terni di aprire la zona a traffico limitato – spiegano Cgil e Filcams – in determinate fasce orarie. Ma il rilancio dei consumi non passa dalla possibilità di arrivare davanti ai negozi con l’automobile, una scorciatoia che non produce effetti sulla capacità di spesa dei cittadini, ciò che di sicuro produrrà sarà una possibile congestione del traffico e un nuovo livello di inquinamento. Il centro storico deve essere inquadrato come struttura insediativa urbana, che costituisce unità e identità culturale e deve passare attraverso la definizione di progetti per la riqualificazione ambientale ma anche di reale offerta tra diverse attività non solo commerciali. L’assessore di riferimento ha affermato, ed è condivisibile, la necessità che il centro cittadino possa diventare un punto di interesse riconosciuto, con eventi di varia natura in modo diffuso e continuativo. Questa a nostro avviso è la strada da intraprendere per rivitalizzare la città e non quella di apertura della zona a traffico limitato, le due questioni sono in contraddizione tra loro». La Cgil ricorda inoltre «che nel recente passato in molte aree del Paese si è fatta la scelta di una completa chiusura dei centri storici al traffico urbano, mentre Terni ha adottato una politica che ha limitato una parte della città al traffico, consentendo ai cittadini l’accesso a gran parte delle vie urbane. Per queste ragioni si esprime contrarietà all’apertura della zona a traffico limitato, perché non è questa la ragione della crisi del commercio che ha implicazioni dirette con le condizioni materiali delle persone per l’assenza di lavoro, per le crisi aziendali e per chiusure di attività».

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli