Treni: ancora lavori e disagi in Umbria

Domenica e lunedì modifiche alla circolazione per un cantiere alla stazione di Perugia. Intanto i ritardi non si fermano

Condividi questo articolo su

Nuove modifiche per la circolazione ferroviaria in Umbria, domenica 21 e lunedì 22 aprile. Per lavori programmati alla stazione di Perugia sono infatti previste variazioni alle linee Perugia-Roma, Perugia-Torino, Milano-Terni, Firenze-Foligno e Terontola-Perugia-Foligno.

I dettagli

In particolare, domenica il Frecciarossa 9329 è cancellato fra Terontola e Perugia e sostituito con un bus (partenza dallo scalo toscano alle 22.12 e arrivo nel capoluogo umbro alle 22.52). I treni Intercity 580 e 599 subiranno invece variazioni di orario e non fermeranno a Spoleto, Foligno, Assisi, Perugia Ponte San Giovanni e Perugia. Previsto un servizio con bus tra Terontola e Terni. L’Intercity 546 terminerà inoltre la corsa a Perugia Ponte San Giovanni (arrivo alle 22.09). Infine alcuni treni regionali e regionali veloci delle linee Perugia-Roma, Firenze-Foligno e Terontola-Perugia-Foligno saranno soggetti a modifiche di orario, numerazione e limitazioni di percorso. Previsto in questo caso un servizio con bus tra Terontola-Perugia San Giovanni e tra Ellera e Foligno. Lunedì, invece, è prevista la sola cancellazione, tra Perugia e Terontola, del Frecciarossa 9300, che sarà sostituto da un bus (partenza dal capoluogo alle 5 e arrivo a Terontola alle 5.36).

La protesta

Nuovi lavori che dunque significano nuovi disagi (seppur in questo caso limitati in gran parte alla giornata domenica) per i viaggiatori umbri, già alle prese con notevoli problematiche. Continuano infatti ad essere pressoché quotidiani i ritardi e i disservizi sulla linea Roma-Ancona e sulla Foligno-Perugia-Terontola, frequentate da tantissimi pendolari. E spesso, tra gli stessi viaggiatori, lo scoramento prende il sopravvento. «Ritardi la mattina fino di 50 minuti – racconta una cittadina ternana esasperata -, oltre allo spostamento della circolazione sulla linea lenta anche se si ha un abbonamento per la linea veloce. Mercoledì sera addirittura fermi appena dopo Orte, per 40 minuti, per persone non autorizzate sui binari. Mi chiedo: si parla tanto di fare a meno il più possibile dell’auto, poi vediamo che non c’è nessuno che si preoccupa. E ci si preoccupa tanto di fare il Ponte sullo Stretto, poi per fare il tragitto dalla stazione Tiburtina alla stazione di Terni servono oltre due ore. Mi chiedo se siamo in Europa o nel Terzo Mondo».

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli