Cisl: «Sostenibilità e formazione per rilanciare la manifattura nel Ternano»

Assemblea territoriale del sindacato. Il segretario Marcelli: «Speriamo di festeggiare i 140 anni di Ast con la firma dell’Accordo di programma»

Condividi questo articolo su

Il mese di dicembre in casa Cisl si apre con un confronto su quanto fatto, sulla situazione del territorio in essere ma si guarda già all’azione del 2024. Con questo intento si è riunita venerdì mattina l’assemblea dell’area territoriale sindacale Terni-Orvieto, presieduta dal segretario generale Femca Cisl Umbria Simone Sassone, che si è aperta con un minuto di silenzio in memoria di Ilio Carlini, responsabile Fnp Cisl a Narni e, precedentemente, dirigente nella Femca Cisl Umbria. Ad aprire i lavori il segretario Cisl Umbria Riccardo Marcelli che ha fatto riferimento al polo chimico ma anche all’acciaieria di Terni. «Finalmente – ha detto – nei prossimi giorni Arvedi presenterà il piano industriale e, data l’importanza e il momento storico che stiamo attraversando, abbiamo partecipato ad incontri a vari livelli. Il prossimo anno – ha aggiunto il segretario – ricorreranno 140 anni di vita delle acciaierie a Terni e speriamo di celebrarli degnamente con la sottoscrizione dell’accordo». Sempre nei prossimi giorni sarà ricordato Celestino Tasso, dirigente Cisl proveniente dalla categoria prima della Fim Cisl e poi Fnp Cisl, che alla fine dell’anno scorso è venuto a mancare. «La sua attenzione è sempre stata rivolta agli ultimi – ha detto Marcelli – e per questo con la segreteria della Cisl Umbria stiamo lavorando ad un’iniziativa in sua memoria che si terrà il 22 dicembre e che sarà funzionale anche alla raccolta fondi da destinare poi al sociale. Tema sul quale stiamo investendo in sinergia con le categorie in modo da far partire già da gennaio 2024 uno sportello sociale». Sostenibilità integrale, formazione e sicurezza sono stati gli altri due temi cardine dell’intervento di Marcelli. Se per i primi due la Cisl Umbria è inserita in un percorso formativo di ampio respiro a Firenze, per l’altro è il momento di compiere passi in avanti. «E’ necessario un coordinamento regionale per riuscire a mettere in sinergia gli Rls e Rlst in modo da contrastare l’incremento di morti, infortuni e malattie professionali sul lavoro». Dai vari spunti sollevati dal segretario si è svolto un nutrito dibattito dal quale è emerso il ruolo strategico della sostenibilità integrale e della formazione per mantenere e rilanciale il ruolo di Terni nella manifattura sostenibile. Oltre a questo si è trattato di Asm. «La Cisl – è stato ribadito – ha consentito, grazie alla sua azione, che si riaprisse dibattito rispetto all’appalto della pubblica illuminazione. Ora servono gli incontri di approfondimento di natura sindacale». Sulla raccolta firme per la proposta di legge per la partecipazione dei lavoratori all’impresa e sulla grande partecipazione da parte dell’Umbria alla manifestazione nazionale del 25 novembre, è quindi tornato il segretario generale Cisl Umbria Angelo Manzotti che ha sottolineato, nelle conclusioni, «l’impegno del territorio in questi due momenti propositivi, nei quali la Cisl si è posta ancora una volta da protagonista».

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli