Dal tribunale alle fedi, il passo di Massimo e Manola è stato breve

Terni – Guardie giurate al palazzo di Giustizia, hanno festeggiato insieme a familiari, amici e colleghi. Compresi numerosi avvocati

Condividi questo articolo su

E alla fine anche uno degli ultimi ‘baluardi’ del palazzo di Giustizia di Terni, almeno per ciò che attiene la ‘resistenza’ al celibato, è caduto. Il maresciallo Massimo Bibi, responsabile della sicurezza del tribunale e operatore della Securpool, è convolato a giuste nozze, unendosi alla collega Manola Hess, anche lei impegnata nella tutela della sicurezza degli uffici giudiziari ternani. Un matrimonio salutato con affetto e simpatia da tanti, con un altro collega di Massimo – Paolo Quaglietti, security della Procura della Repubblica – e l’avvocato Lidia Pennacchi come testimoni. Dopo la cerimonia ufficiale – con rito civile -, domenica i due neo sposi – nel contesto di una festa dove non si è ovviamente resa necessaria la security, vista la densità di guardie giurate presenti – hanno festeggiato al ‘Palazzo del Papa’ insieme ad amici, familiari e colleghi. Fra cui una folta rappresentanza di ‘addetti ai lavori’, compresi avvocati e personale del palazzo di Giustizia. A Massimo e Manola giungano i migliori auguri da parte della redazione di umbriaOn.

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli