Guida autoarticolato con cronotachigrafo manomesso: nei guai

Un 27enne di Gubbio è finito nei guai all’altezza del casello autostradale di Rimini

Condividi questo articolo su

Numerose interruzioni di corrente non giustificate né dal conducente né tantomeno dall’attività del mezzo. Un elemento che ha fatto scattare i dubbi della polizia Stradale di Riccione che, lunedì, ha fermato all’altezza del casello autostradale di Rimini nord un autoarticolato con a bordo un 27enne di Gubbio: in effetti qualcosa di anomalo c’era, vale a dire la manomissione del cronotachigrafo digitale di bordo. Per lui ritiro della patente e violazione che prevede un esborso da 1.736 euro, più il sequestro del dispositivo e una multa alla società proprietaria del veicolo.

Il problema

Gli agenti non ci hanno messo molto a capire cosa non andasse. La verifica ha consentito di scoprire all’interno dell’abitacolo di guida un dispositivo a pulsante ‘mascherato’ come arredo. Era altro: l’attivazione inibiva il funzionamento del cronotachigrafo e, in questo modo, permetteva di eludere il controllo. Risultato? Periodi di guida superiori rispetto a ciò che prevede la normativa, con riferimento ai tempi di riposo. La notizia è riportata dai media locali.

 

 

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli