Rifiuti a Narni, Regione dà l’ok all’impianto per recupero scarti di cartiera

C’è l’esclusione dalla procedura di Valutazione di impatto ambientale per il progetto della Viterbo Energy srl. Mirino su produzione biodiesel

Condividi questo articolo su

di S.F.

«Il progetto non determina impatti ambientali significativi e negativi nel rispetto delle condizioni ambientali riportate nel quadro prescrittivo». La Regione dà il via libera alla proposta della Viterbo Energy srl – il proponente in particolar modo è il consigliere delegato Diego Cattaneo – per un nuovo impianto di gestione e recupero rifiuti a Nera Montoro: c’è l’esclusione dalla procedura di Valutazione di impatto ambientale.

I DETTAGLI DEL PROGETTO – LEGGI

L’area di Nera Montoro

Cosa è previsto

L’ok arriva in seguito al parere ambientale unitario della commissione tecnica regionale – lo riportiamo integralmente – per la valutazione, composto nella fattispecie da Pietro Freda, Marco Trinei, Francesco Longhi, Emanuela Siena, Caterina Torcasio, Andrea Motti, Michele Cenci e Nicola Casagrande. L’impianto, in sintesi, riguarda il trattamento e recupero di scarti di cartiera per la produzione di biodiesel attraverso pirolisi e distillazione con selezione meccanica, triturazione, omogeneizzazione e trasformazione termochimica: «La soluzione progettuale prospettata – si legge – ha un contenuto innovativo individuando un processo di recupero per gli scarti provenienti dalla produzione di carta e cartone, da filiera già determinata, con produzione di gas da pirolisi opportunamente condensato e di oli bassobollente e altobollente, questi ultimi destinati alla produzione di carburanti e altri materiali che hanno cessato la qualifica di rifiuto, quali metalli ferrosi e non ferrosi e materie plastiche; la fase di cantiere prevede il solo montaggio e posizionamento dei macchinari che compongono le linee di trattamento del rifiuto in ingresso e l’installazione della vasca per la raccolta delle acque di prima pioggia, il che limita gli impatti sulle diverse matrici ambientali nell’entità e nel tempo».

IL PARERE UNITARIO SUL PROGETTO – DOCUMENTO

Il quadro prescrittivo e l’impatto odorigeno

Diverse le indicazioni per la Viterbo Energy srl: «Il progetto definitivo dovrà prevedere – si legge – che l’area protetta per il carico del combustibile prodotto dall’impianto sia munita di pozzetto cieco, non collegato alla rete idrica, di capacità idonea a garantire il contenuto di eventuali sversamenti durante le operazioni di travaso. Il proponente dovrà effettuare uno studio dell’eventuale impatto odorigeno provocato dalla complessiva attività di stoccaggio e trattamento dei rifiuti in progetto ed eventualmente individuare idonee misure di contenimento; entro 60 giorni dalla messa a regime dell’attività in progetto il proponente dovrà effettuare una valutazione di impatto acustico». La firma sul documento regionale di non necessità di Via è del dirigente Andrea Monsignori.

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli