Perugia, vende mascherine senza autorizzazione: denunciato per frode

Operazione dei Nas su un’azienda che produceva in deroga senza specificare che i dispositivi non erano certificati Dpi o Dm

Condividi questo articolo su

30mila mascherine sono state messe in commercio nella provincia di Perugia da una ditta non autorizzata che le ha prodotte in deroga, come è notoriamente consentito in questo periodo di emergenza, ma senza specificare che non si trattava di prodotto non certificati come ‘Dpi’ o ‘Dm’. Per questo motivo, il titolare è stato denunciato per frode in commercio da parte dei carabinieri Nas di Perugia.

EMERGENZA CORONAVIRUS – UMBRIAON

L’operazione è stata inserita in una più vasta operazione che, sul territorio nazionale, ha portato al sequestro di 23 mila fra mascherine e prodotto igienizzanti non in regola.

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli