Rogo Porto Marghera, Terni aiuta Pramod

Gli amici dell’operaio indiano, padre di una bimba di 3 anni e residente in Umbria dal 2002, lanciano l’appello: «Serviranno cure costose»

Condividi questo articolo su

Un aiuto concreto per Pramod Saw e la sua famiglia. A lanciare l’iniziativa sono alcuni amici dell’operaio 33enne di origine indiana, padre di una bimba di 3 anni e residente a Terni dal 2002, rimasto gravemente ferito – insieme ad un collega di origine romena – nel rogo scoppiato lo scorso 15 maggio alla 3V Sigma di Porto Marghera (Venezia). Pramod è ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Verona, in coma farmacologico e con ustioni di terzo grado sul 50% del corpo. Per tornare ad una vita normale, avrà bisogno di cure costose, riabilitazione e molto altro. Da qui la raccolta fondi che fa riferimento all’indirizzo e-mail aiutiamopramod@gmail.com e all’IBAN It09R0306914499000000081611 intestato a Pramod Saw.

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli