Terni: l’ascensore non va. «Mi alzo la mattina e non so se potrò uscire o rientrare»

Elvio Persichetti, disabile grave, abita in via della Cooperazione 43. L’impianto è segnato da problemi che vanno avanti da anni

Condividi questo articolo su

Il palazzo dove l’uomo vive

«Uno si alza la mattina con il dubbio se riuscirà ad uscire di casa oppure, una volta fuori, se riuscirà a rientrare. Ad esempio la sera di Pasqua sono rimasto chiuso fuori di casa, ma è solo uno dei tanti episodi». Il ternano Elvio Persichetti, disabile grave, condivide da anni con qualche decina di inquilini i disagi causati dal malfunzionamento dell’ascensore nella palazzina Ater di via della Cooperazione 43, fra Campomaggiore e Cesi. Elvio vive all’ottavo dei nove piani dell’edificio, ma i disagi sono un po’ per tutti, ovviamente più si sale (di piano) e più aumentano. «L’ascensore, che negli anni passati ha sempre dato qualche problema, dal 4 al 25 marzo è rimasto fermo per procedere alla ‘revisione completa’ – racconta il cittadino -. In quei giorni, in ragione delle mie condizioni, sono rimasto ‘segregato’ in casa e ho potuto contare sull’aiuto di qualche amico per avere la spesa, un saluto e un po’ di umanità. Ma era un intervento atteso da tempo, auspicato, e abbiamo giustamente pazientato». Il problema è che, dopo la revisione andata avanti per 21 giorni, «l’ascensore si è fermato nuovamente per tre volte e sempre per problemi, legati alle porte, precedenti la revisione. Una volta non sono potuto uscire, un’altra non sono rientrato mentre una terza volta ero assente e non ho subìto il disagio. Ma i problemi sono per tutti quelli che abitano qui, chiaramente». Giovedì Elvio ha due visite mediche che sta attendendo da tempo: «Sono importanti e le ho prenotate undici mesi fa. Ora, se quel giorno non riuscissi ad uscire, che devo fare? Annullare la prenotazione, rimettermi in lista e attendere un altro anno?». Dilemmi e problemi che si aggiungono a quelli della vita di ogni giorno.

Filipponi (Pd): «Risposte da Ater»

Sulla questione interviene il consigliere comunale del Pd, e capogruppo, Francesco Filipponi: «Avendo appreso da umbriaOn delle problematiche relative al condominio Ater di via della Cooperazione, a Campomaggiore, abbiamo contattato per le vie brevi l’azienda non solo per l’ascensore, ma anche per le questioni relative alle caldaie, agli infisso ed ai balconi. Nell’arco di qualche ora – scrive Filipponi – abbiano ricevuto delle prime risposte. Auspichiamo che nei prossimi giorni si possa risolvere con solerzia. In caso contrario ci riserviamo di presentare, in merito, degli appositi atti in consiglio comunale».

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli