Ex mercato coperto Terni, altro tentativo di rinvio al CdS

L’udienza pubblica è prevista per il 15 dicembre: Coop chiede un nuovo slittamento. «No comment» generale sulla vicenda

Condividi questo articolo su

di S.F.

L’interno allo stato attuale

Sarà una novità di poco rilievo magari, chissà, fatto sta che nessuno si vuole sbilanciare. Né da un lato né dall’altro perché evidentemente la situazione ancora non è così chiara: la Superconti supermercati Terni srl – controllata da Coop Centro Italia – ha depositato venerdì l’istanza per rinviare l’udienza pubblica prevista al Consiglio di Stato martedì 15 dicembre. Si cerca ancora di guadagnare tempo e non arrivare alla sentenza.

AGOSTO 2020, NIENTE ‘QUADRA’ PER CHIUSURA VICENDA
GENNAIO 2020, IL RINVIO A DICEMBRE

Gli ultimi atti depositati: venerdì l’istanza di rinvio del ricorrente

«No comment» generale

Tutto ciò avviene dopo l’ultimo rinvio chiesto e ottenuto a gennaio – slittamento dell’udienza di undici mesi – in seguito all’atto della giunta comunale di Terni: nel dicembre 2019 fu dato il via libera agli uffici di palazzo Spada (direzione attività finanziarie e urbanistica) per gli atti utili alla transazione con la società. Per ora da entrambe le parti c’è un «no comment» in merito alla nuova richiesta di rinvio. L’obiettivo è di fermare il contenzioso attivo dal 2014 al CdS per la nota questione della vendita dell’immobile per 8 milioni 151 mila euro: il Comune ha incassato un milione per l’anticipo dell’esecuzione dell’accordo, dopodiché il nulla con stipulazione del contratto mai avvenuta. Nel contempo l’ex mercato coperto si è svalutato del 26%. Il resto è storia nota, perenne degrado compreso.

DICEMBRE 2019, IL COMUNE PREPARA DOCUMENTO PER STOP CONTENZIOSO
LA ‘FRETTA’ DEL COMUNE NEL 2019: TRIPLA ISTANZA DI PRELIEVO

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli