Terni, stadio-clinica e project pubblica illuminazione: doppio sollecito

Le due partite vanno avanti da tempo. Numerosa concorrenza per Asm

Condividi questo articolo su

di S.F.

Il progetto stadio-clinica e l’altrettanto delicata partita della pubblica illuminazione con il project financing di mezzo per la gestione. Sono due degli argomenti – trattati celermente in realtà rispetto al resto – di cui si è parlato martedì mattina in Bct durante la maxi conferenza dell’assessore ai lavori pubblici Giovanni Maggi e del vicesindaco Riccardo Corridore: scattato il doppio sollecito per chiudere le questioni. O almeno provarci.

FEBBRAIO 2024, COMMISSIONE IN CAMPO PER IL PROJECT: ASM IN CAMPO
DICEMBRE 2023, SPUNTA UNA POSSIBILE 3° OPZIONE
NOVEMBRE 2023, L’ATTO A FAVORE DI ENGIE: 23 MILIONI DI EURO FINO AL 2032

«Abbiamo sollecitato ieri la Ternana, mi sono congratulato stamane con il dirigente Giorgini stamane perché ho visto il protocollo. Sollecitati per chiudere la situazione, ora c’è da verificare la documentazione richiesta e firmare la convenzione», ha specificato Maggi sull’iter per la realizzazione del nuovo stadio e della clinica. Si vedrà, la sensazione è che ne parlerà ancora per un bel po’. Poi c’è l’altra storia aperta di notevole rilevanza.

«STADIO-CLINICA? NULLA DA APPROVARE»
LA CONVENZIONE ‘PONTE’: 30 MILA EURO DI CANONE, TUTTO A CARICO DELLA TERNANA

A febbraio fu firmata la determina per l’istituzione del gruppo di lavoro per la valutazione del project Asm sulla pubblica illuminazione e, ovviamente, anche le altre proposte pervenute a palazzo Spada: «Purtroppo si è ingarbugliata perché oltre ad Asm ci sono almeno altre quattro proposte (Engie è nota da tempo, si parla anche di Enerstreet, ndr). La commissione sta lavorando, ho scritto una lettera al presidente sollecitando i lavori della commissione perché è importante per la città sia da un punto di vista operativo che amministrativo». In un primo momento il Rup era l’ingegnere Nazareno Claudiani, poi è subentrato il dirigente Claudio Bedini.

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli