48enne precipitato, condizioni stabili

Perugia, l’uomo caduto dal tetto di un capannone sabato pomeriggio a Ponte San Giovanni resta in prognosi riservata

Condividi questo articolo su

Un operaio di 48 anni, residente in provincia di Roma, è precipitato al suolo dal tetto di un capannone a Perugia, nella zona industriale di Ponte San Giovanni (Perugia). Il fatto è accaduto sabato pomeriggio intorno alle ore 17.

Varie fratture: prognosi riservata

L’uomo ha riportato varie fratture – alle costole, alle vertebre e al bacino -, pneumotorace e lacerazioni al fegato. È arrivato in gravissime condizioni al pronto soccorso del Santa Maria della Misericordia, dove è stato stabilizzato e sottoposto ad accertamenti radiografici dal dottor Massimo Siciliani e dagli infermieri professionali Federico Montanari, Mirko Papalini e Nicoletta Pericoli. Il 48enne è stato poi trasferito nel reparto di rianimazione dove si trova ricoverato con riserva di prognosi.

Aggiornamento

A 24 ore dall’incidente, domenica pomeriggio vengono definite «stabili» – dall’ufficio stampa dell’ospedale di Perugia – le condizioni dell’uomo. L’uomo stava effettuando un sopralluogo, per poter eseguire dei lavori nella struttura nelle prossime settimane, quando è precipitato al suolo per cause ancora da chiarire. La prognosi resta riservata. «Nella mattinata di domenica – si legge nella nota del nosocomio – è stata richiesta dai medici della rianimazione una consulenza di un chirurgo toracico. Il dottor Damiano Vinci ha potuto verificare la situazione alla luce delle fratture costali accertate dagli esami strumentali. Sono stati esclusi al momento interventi chirurgici urgenti mentre prosegue il monitoraggio dei parametri vitali». Il paziente era stato soccorso dal personale del 118 con ‘codice rosso’ e stabilizzato già nelle prime fasi del suo arrivo in pronto soccorso da una equipe di medici ed infermieri coordinata dal dottor Massimo Siciliani. Già nelle ore successive al ricovero in rianimazione sono arrivati in ospedale i familiari dell’uomo che sono in costante contatto con i sanitari della struttura.

Condividi questo articolo su
Condividi questo articolo su

Ultimi 30 articoli